headerbuono0

Storia

Secondo la leggenda,il paese in origine si chiamava S. Felice. Distrutto da una frana,venne ricostruito nei pressi di una Chiesa dedicata a Santa Paolina, prendendo così l’attuale denominazione.
La prima notizia storica del Comune di Santa Paolina risale ad un atto notarile del 1083 mediante il quale una tal Emma,moglie di Raone Trincanotte da Eboli,donò al monastero di Cava la chiesa di S. Michele Arcangelo sul Tusciano; l’atto fu sottoscritto da un certo Rao,figlio di Milone Pagano da Santa Paolina.
Nel 1284 furono create due Province:il Principato Ultra ed il Principato Citra. La città di Montefusco fu scelta come Capoluogo del Principato Ultra e sede del Regio Tribunale,la città di Salerno fu scelta come Capoluogo del Principato Citra.
In diversi dizionari ragionati del Regno di Napoli, Santa Paolina è sempre indicata con la dicitura Montefusco e Casali. 
Si rinviene il nome di Santa Paolina nella ripartizione delle spese per il mantenimento del Regio Tribunale,della manutenzione del Castello,delle mura e degli altri obblighi dei Casali. 
Fu casale riservato alla Regia Corte ed ebbe molti privilegi;tra questi,quello dell’esenzione dei passi delle dogane.
Il paese sorse accomunando gli agglomerati di case insistenti su tre speroni: Brecciale, Petrarola e Capogiorgio. Quest’ultimo fu distrutto da una frana nel 1814.
La peculiare forma di abitare “ Vicatim “, cioè, per casali, è una caratteristica che si è conservata in Santa Paolina fino ad oggi.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.